Siamo sempre ricettivi e disponibili a progetti nuovi che nascono dalle esigenze e dalle idee di chi incontriamo. Vogliamo lasciarci contaminare perché troviamo che sia il modo migliore per accrescere il nostro bagaglio di competenze. 

Progettare percorsi su misura è la parte più divertente del nostro lavoro, ci permette di essere creativi, dinamici e ci obbliga a… restare bambini.

Facciamo finta che
Fairplay
Mi muovo sto bene
Educazione Stradale in movimento
Stage Multisportivi
Sport e Scuola
Zainetto dei giochi
Sprint


1

Facciamo finta che

Attività:

Partiamo con il racconto di una storia, con  il sussidio di un libro e creiamo  il gioco del “Facciamo  Finta Che”. Vogliamo dare al bambino una ricca base di esperienze, attraverso  giochi di movimento , individuale e di gruppo, con piccoli e grandi attrezzi, codificati e non. 

Obiettivi:

Raggiungere una buona consapevolezza del sé corporeo e dello schema corporeo, per acquisire il senso dello spazio, le prime abilità motorie, per apprendere il senso di cooperazione e collaborazione con gli altri e acquisire un’attitudine positiva alla pratica del movimento. Viene sottolineato il valore educativo del movimento e del gioco per portare il bambino a rispettare le regole e gli altri, giocare in modo autonomo, provare piacere e gratificazione durante il gioco.

Durata:

Incontri di una o due ore, 1 volta la settimana per un minimo di 8/10 incontri.


2

Fairplay

Attività:

Attraverso la proposta di giochi di gruppo, di squadra, di movimento si sostiene l’apprendimento del rispetto dei limiti, delle regole e degli altri. L’esperienza attraverso la pratica porta il bambino all’apprendimento e alla capacità di pensare per astrazione e di misurare ogni condotta secondo un proprio codice morale. Il gioco motorio offre l’occasione di confronto/scontro con i propri pari aiutando lo sviluppo del concetto di sé: si vuole insegnare ai bambini ad affrontare la situazione esercitando contemporaneamente il rispetto dell’altro e l’affermazione di sé.

Obiettivi:

Il gioco di movimento come mezzo per imparare a: rispettare gli altri e le regole;  giocare in modo autonomo; provare piacere e gratificazione durante il gioco.

Durata:

È un laboratorio indicato in particolare per i bambini dagli 8 anni, quindi terza, quarta e quinta classe della scuola primaria. Si consigliano 10 incontri frontali.


3

Mi muovo sto bene

Attività:

Educazione alla salute attraverso il gioco motorio. Cosa può essere fatto? Introdurre nella scuola un curriculum di educazione alla salute avvicinando i ragazzi alla motricità, alla consapevolezza della propria corporeità e a un giusto approccio alla pratica sportiva, suscitando gusto e piacere duraturo. Questo intervento educativo assume particolare importanza nella situazione contemporanea in cui assistiamo alla marcata tendenza alla sedentarietà e all’ abbandono sempre più precoce della pratica fisica e sportiva proprio nell’età in cui potrebbe dare il suo più prezioso contributo.

Obiettivi:

La salute dinamica può essere sperimentata concretamente attraverso percorsi operativi di educazione motoria che hanno come obiettivi specifici quello di potenziare la pratica dell’attività motoria fatta con i ragazzi in orario scolastico, ma anche quello di coinvolgere le realtà locali, i genitori e le altre agenzie educative per formare una cultura condivisa tra chi opera in campo educativo e nel tempo libero. Altro obiettivo specifico è quello di creare le basi per una consuetudine al movimento.

Durata:

Quello che abbiamo costruito è un modello costituito da 4 percorsi operativi: la postura, l’abitudine al movimento, il disagio e la relazione, la disabilità e il limite. Sono necessari 8 incontri frontali con i ragazzi, e un eventuale incontro formativo con i genitori.


4

Educazione Stradale in movimento

Attività:

Questo progetto vuole essere un contributo alla realizzazione di percorsi formativi trasversali per la costruzione di un “cultura della sicurezza stradale”. Il valore aggiunto di questo percorso è legare l’educazione stradale al movimento sia perché sono molti gli obiettivi comuni, sia perché utili sono i mezzi e i metodi della seconda per proporre la prima.

Obiettivi:

Contribuire alla formazione di una persona che sa pensare criticamente, e risolvere problemi; di un cittadino responsabile, che eviti comportamenti pericolosi per sé e per gli altri; di una persona che sa apprendere e mettere in pratica le informazioni sulla sicurezza stradale secondo i propri bisogni e le necessità della vita.

Durata:

Il percorso prevede 3/4 interventi in palestra in collaborazione con le insegnanti. Ciascun intervento è della durata di un’ora e mezza.


5

Stage Multisportivi

Attività:

la proposta si articola in diverse attività sportive organizzate nella forma dello stage: giochi circensi, baby dance, mountain bike, orienteering, roller, arrampicata sportiva, freesby, unihockey.

Obiettivi:

Obiettivo primario delle attività è quello di costruire l’abitudine al movimento e all’attività fisica, fornendo ai bambini la possibilità di sperimentare diverse discipline con la guida di esperti specializzati

Durata:

6 settimane, con incontri di 1,5 ore a disciplina e con cadenza settimanale.


6

Sport e Scuola

Attività:

Proponiamo discipline sportive diverse per ogni anno di scuola primaria. Si tratta di sport considerati minori, sicuramente poco conosciuti ma ricchi di valore educativo. Ogni anno, dalla prima alla quinta i bambini, grazie alle società sportive del territorio coinvolte, hanno la possibilità di sperimentare pratiche diverse.

Obiettivi:

Il progetto Sport e Scuola nasce per offrire alle società sportive la possibilità di entrare nelle scuole proponendo un’esperienza di attività ludico-sportiva ricca e diversificata, in funzione della costruzione di una “memoria motoria” a sostegno dello sviluppo armonico del bambino.

Durata:

Su misura


7

Zainetto dei giochi

Attività:

Proponiamo laboratori di costruzione di piccoli giochi, con la possibilità di usare materiale di recupero. Il programma prevede una parte di costruzione e una di sperimentazione dell’oggetto costruito. Si prediligono giochi di movimento.

Obiettivi:

L’ideazione e la creazione di un gioco sono processi che stimolano l’impegno e la collaborazione, oltre a sviluppare la consapevolezza del valore degli oggetti.

Durata:

Su misura


8

Sprint

Corro, salto, gioco… imparo! Ma anche mi diverto, mi alleno: è un nuovo modo giocoso e divertente di coinvolgere bambini e adulti in un’attività di movimento completa e salutare.

Corro, salto , gioco… imparo è uno strumento didattico, ma non solo, sa coinvolgere contemporaneamente tutti gli allievi di una classe, i componenti di un gruppo numeroso, i partecipanti di una manifestazione. Può essere utilizzato all’interno di una palestra, in un campo sportivo ma anche in un parco giochi o in una piazza, in un contesto scolastico, di allenamento o di festa.

È costituito da un “Dado” e da 5 tappeti stampati con 5 giochi: “Gioco dell’Oca”, “La Campana”,  “La Griglia”, ”Il Bersaglio” e “Il Lancio” da utilizzare insieme o separatamente. Questi sono corredati da moduli di schede didattiche di argomenti diversi a secondo delle finalità che si vogliono raggiungere. Corro, salto, gioco… imparo è di facile trasporto e utilizzo, è pratico e sicuro, si presenta con uno stile allegro e colorato che piace ai bambini e coinvolge gli adulti.

Non Vi resta che provarlo!